Marijuana

  • 0

Marijuana

Category : Curiosita'

Marijuana, negli anziani potrebbe rallentare la degenerazione del cervello

Il Thc, principio attivo della cannabis, sarebbe in grado di contrastare il declino cognitivo legato all’invecchiamento e di prevenire l’insorgere di demenze ma nei giovani avrebbe l’effetto contrario. Lo suggerisce uno studio svolto per ora sui topi

ANTIDOLORIFICO, stimolante dell’appetito, antispastico. Sono molti gli effetti terapeutici della cannabis medica, una sostanza controversa per il diffuso utilizzo ricreativo, ma comunque disponibile in molte nazioni (tra cui la nostra) per i pazienti con gravi malattie neurodegenerative, dolori cronici e tumori. E se la lista dei potenziali effetti benefici è già interessante, in futuro potrebbe aggiungersene un altro, piuttosto importante: la cannabis infatti potrebbe rivelarsi anche un potente antiaging. O meglio, migliorare memoria, apprendimento e facoltà cognitive negli anziani, proteggendo il cervello dagli effetti del tempo. Gli indizi disponibili arrivano per ora dai topi, ma come spiega uno studio pubblicato su Nature Medicine, si tratta di risultati importanti, che giustificano una sperimentazione anche sugli esseri umani.

Lo studio. La ricerca è stata portata avanti nei laboratori dell’Università di Bonn e della Hebrew University di Gerusalemme, e ha sperimentato gli effetti della cannabis sui topi, animali dal ciclo vitale piuttosto breve che normalmente iniziano a mostrare segni di declino cognitivo già intorno ai 12 mesi di vita. I ricercatori hanno somministrato agli animali piccole dosi di Thc, il principio attivo della cannabis, all’età di 2, 12 e 18 mesi. E hanno quindi testato le capacità mnemoniche e di apprendimento dei roditori, confrontando i loro risultati con quelli di topi che avevano ricevuto un placebo (una soluzione priva di principio attivo).

I risultati. Sia a 12 che 18 mesi di età i topi che avevano ricevuto il Thc hanno mostrato funzioni cognitive paragonabili a quelle dei giovani di soli due mesi. Mentre nel gruppo di controllo, gli animali a cui è stato somministrato il placebo, il declino cognitivo si è iniziato a manifestare (come previsto) intorno ai 12 mesi di età. “Il trattamento – rivendica il coordinatore dello studio Andreas Zimmer, dell’Università di Bonn – ha invertito completamente il normale declino cognitivo negli animali anziani”. Per comprendere come, i ricercatori hanno analizzato a questo punto il tessuto cerebrale degli animali. E hanno scoperto che a livello molecolare e delle connessioni tra neuroni il cervello dei topi di 18 mesi esposti al Thc risultava molto più simile a quello di animali giovani che a quello di un normale esemplare anziano. “Il Thc – sottolinea Zimmer – sembra quasi portare indietro l’orologio molecolare del cervello”.


Leave a Reply

link to:

send mail

Articoli recenti

maggio: 2017
L M M G V S D
« Apr   Ott »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031